allenatori più pagati

In questa prima parte di stagione 2022/2023 gli allenatori che hanno ricevuto più critiche sono stati Massimiliano Allegri e Simone Inzaghi, anche se le ultime vittorie (la Juve nel derby con il Torino, l’Inter contro Barcellona, Sassuolo e Salernitana) hanno rilanciato entrambi i coach e reso un po’ più solida la loro panchina.

Buona parte delle critiche sono dovute allo stipendio percepito da Allegri e Simone Inzaghi. Il tecnico livornese guadagna infatti 7 milioni di euro (che possono arrivare a nove con i bonus), mentre il collega nerazzurro riceve 5 milioni e mezzo di euro dall’Inter. Nonostante questi importanti stipendi, la Beneamata naviga a otto punti dal Napoli capolista, mentre la Vecchia Signora è addirittura a -10 dai partenopei.

Proprio l’allenatore del Napoli, Luciano Spalletti, è uno degli allenatori che guadagna meno tra i big. Il suo stipendio è di 3 milioni di euro, lo stesso di Maurizio Sarri (Lazio) e poco inferiore ai 4 milioni di euro percepiti da Stefano Pioli al Milan, ampiamente legittimati dall’ultimo tricolore vinto dai rossoneri.

Al primo posto assieme a Massimiliano Allegri c’è José Mourinho, che riesce ad ottenere anch’egli 7 milioni di euro dalla Roma. Prende molto di meno Gian Piero Gasperini, tecnico dell’Atalanta seconda in classifica: solo 2,2 milioni di euro per il coach orobico. Il nuovo tecnico del Bologna, Thiago Motta, guadagna invece 2 milioni di euro. Stesso stipendio per Ivan Juric del Torino, mentre Vincenzo Italiano si ferma a 1,7 milioni. Solo 300.000 per Andrea Sottil, nonostante la sua Udinese stia disputando un campionato straordinario.

Dejan Stankovic, appena sbarcato alla Sampdoria, guadagna 700.000 euro, mentre Andrea Palladino, chiamato dal Monza per sostituire Stroppa, si ferma a 200.000 euro ed è il meno pagato di tutta la Serie A (non è disponibile lo stipendio di Alvini, tecnico della Cremonese).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *